Banche: calano leggermente le sofferenze ma cala anche il credito

Il problema più grande delle Banche italiane è rappresentato dalle cosiddette sofferenze, ossia i crediti erogati che non si riesce a far rientrare. E’ un fenomeno diffuso ovunque ma in Italia ha proporzioni esagerate.

Quando per mestiere si prestano dei soldi, è fisiologico che una parte di tale denaro non ritorni a casa, c’è sempre qualcuno che sembrava degno di fiducia e con sufficienti garanzie che, invece, si rivela non tale.

Diverso è il discorso che si prospetta nel sistema bancario italiano, in cui le Banche, almeno un certo numero di esse, ha accordato credito per somme notevoli senza le sufficienti garanzie, creando un enorme problema al sistema stesso, destabilizzandolo.

Sarebbe, pare, quello che è capitato anche a Mps, anche se non ci sono ancora i nomi dei cento maggiori debitori della Banca, che la medesima è molto restia a rivelare, trincerandosi dietro alla Privacy. Dunque, i dati mostrano un calo delle sofferenze rispetto al 2015, mentre il dato mostra anche una stabilità a novembre. Rallenta anche il Credito verso il Settore Privato, mentre sale il credito alle famiglie, dell’1,8% su base annua.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *